Benvenuto/a

Se sei arrivato fin qui, intendo proprio nella pagina About, significa che un minimo ti ho incuriosito. Bene, adesso ti farò scappare subito, semplicemente perché, mi tocca assumerlo, le mie presentazioni sono sempre uno schifio. Quello che trovi trovi, io c’ho provato 🙂

Spostarsi per cambiare

Iniziamo seriamente, quando ero piccola non mi chiedevano cosa volessi fare da grande ma ero io che chiedevo a mia mamma se esistesse un lavoro che mi avrebbe permesso di andare in giro per il mondo a “cercare cose”. Con “cercare cose” intendevo dare un significato a quell’esigenza che mi portavo dentro di conoscere, di stupirmi, di fare esperienze, di vedere il mondo. Questa sensazione è ancora viva dentro di me e da sempre mi manovra. Ho cambiato molte cose nella mia vita, colore di capelli, tipologia di ragazzi, università, appartamenti e città, ma questa caratteristica non è mai mutata. Ha conservato quella sua essenza primordiale così come la percepivo allora.

Sono una pazza

Sono una persona molto indipendente, testarda e con un’attitudine ribelle. Diciamocelo, queste caratteristiche possono essere anche lodabili ma messe assieme non funzionano un granché, non stanno neanche bene stilisticamente parlando. Soprattutto non funzionano assolutamente in ambienti lavorativi ordinari: capo/dipendente. Non sto dicendo che sono una pazza che sclera al primo ordine datogli ma sto dicendo che sono una pazza che sclera al secondo ordine impostogli. Naa, non è vero. In verità, sopporto molto bene gli ordini e qualsiasi tipo di impegno, solo non credo faccia per me, alla lunga l’idea che qualcun altro organizzi la mia giornata e la mia vita mi soffoca. Ed è proprio per questo che ho preso la decisione di provare ad aprire un sito che parli di viaggi per potermi spostare in giro per il mondo. Sì, proprio un bel sognetto ingellato da cassetto del comodino, quelli da scenette da film con musichetta allegra di sottofondo che se mi danno un visore per la realtà virtuale è fatta!  Evvabbè, ho ancora un po’ d’imbarazzante ingenuità -alla mia età- che mi fa dire “proviamoci” mentre serro un pugno nell’aria.

Cose da sapere- o anche no -su di me

Sono friulana ma non parlo friulano. Più precisamente di Pordenone, ancora più precisamente di Cordenons. Sì, Folpa! Ho studiato Lettere Moderne a Padova, mi sono trasferita in Francia, prima a Mulhouse e poi a Lione. Ho studiato Cinema e Fotografia a Lyon2 e adesso ho traslocato in un Box, c’ho messo tutta la mia roba e sono andata in un paesino dell’Haute-Savoie dove squatto nel ristorante del mio compagno in vista di orizzonti di viaggio.

Francia

Mi sono trasferita in Francia nel 2015. Durante il primo periodo d’espatrio mi sono scontrata con tutte le vere difficoltà del trasferirsi all’estero. Dopo esserne uscita viva  ho deciso di aprire questo blog per dare una mano ai poveri italiani in difficoltà, o ai poveri italiani squattrinati in difficoltà, o ai poveri italiani squattrinati che devono affrontare da soli il mostro della burocrazia francese senza saper ancora parlare decentemente nella lingua dell’erre moscia.

Nella sezione Vivere in Francia/ Lione, puoi trovare tutte le informazioni principali riguardo al trasferirsi in Francia, quindi non è solo indirizzato a chi vive a Lione ma potrà essere utile anche per chi si trasferisce in altre città. Non essendo io lo chef dell’amministrazione francese, qualche informazione potrà risultare approssimativa. La maggior parte delle indicazioni le ho ricavate dalla mia esperienza personale e ve lo assicuro che certe procedure che hanno funzionato per me, potrebbero non essere le stesse per qualcun altro. L’amministrazione varia da città a città, da dipartimento a dipartimento, da impiegato a impiegato, da giornata a giornata, da ora ad ora…

Bene, mani avanti messe e paraculata fatta, ora non mi resta che augurarti in bocca al lupo. Passerai tanti momenti stressanti ma ne varrà la pena, te lo assicuro.

Viaggi

Per quanto riguarda gli articoli dedicati al Viaggio, eviterò il più possibile di fare delle guide sostitutive a quelle già esistenti, cercherò invece di offrire il mio punto di vista sul mondo, attraverso racconti, sensazioni e in alcuni casi, se serve, darò anche delle informazioni e dei suggerimenti più pratici. Vi prevengo sui miei interessi:  città fatiscenti, quartieri popolari, bar marci con clienti strambi e tutto ciò che non appare bello agli occhi altrui ma a che a me sembra  meravigliosamente autentico. Ovviamente, scriverò anche di tutto il resto 😉

Bene, io ho finito.

Per qualsiasi dubbio, curiosità o informazione,  puoi contattarmi direttamente tramite la mia pagina Facebook (magari buttandoci lì anche un like se ti va), altrimenti nella sezione contatti trovi il modulo per mandarmi una mail.

Se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione dei miei articoli ISCRIVITI alla newsletter che trovi nella sezione contatti.

Se hai voglia CONDIVI i miei articoli, mi farebbe molto piacere, e COMMENTA!

Prossima tappa: Marocco

Se sei interessato ai miei lavori fotografici, puoi dare un’occhiata al mio sito-lentissimo– di fotografia.

Ciao e buona lettura

La terra quando la lasci diventa una malinconia.

La mia malinconia è il Friuli.